QUANTO CI E’ COSTATO? ovvero quanto sono costati i lavori sul nostro camper?

Se ci hai seguito sui vari social, specialmente sul nostro canale YouTube che ultimamente stiamo curando molto, saprai che abbiamo pubblicato un video in cui abbiamo parlato di quanto ci sono costati tutti i lavori che, fino ad ora, abbiamo fatto sul nostro camper.

Da agosto 2019 scorso fino a febbraio 2020 inoltrato il nostro camper è stato un continuo cantiere perché, nonostante fosse in ottime condizioni, i lavoretti da fare per renderlo abitabile full time secondo le nostre esigenze non erano pochi, primo tra tutti l’impianto elettrico.

Su YouTube abbiamo fatto un video dedicato a queste spese (lo mettiamo più sotto), ma qui vogliamo fare un riepilogo dettagliato 😊

Prima di iniziare c’è una premessa molto importante da fare:
Tutti i lavori che abbiamo effettuato sul camper sono stati fatti da professionisti, abbiamo preferito non affidarci al fai da te per due motivi:
1) alcune cose non eravamo oggettivamente in grado di farle e quindi, onde evitare danni che avrebbero sicuramente aumentato poi i costi, abbiamo da subito preferito lasciare il lavoro a mani esperte
2) se anche avessimo voluto fare qualcosa da sole, non ne avremmo materialmente avuto il tempo perché l’anno scorso abbiamo lavorato come disperate!

Prospetto costi dei lavori effettuati e degli accessori acquistati

  1. Rifoderare divanetti dinette: 290€
    – acquisto materiale (ecopelle beige): 60€
    – manodopera tappezziere (compresa sistemazione gommapiuma): 230€
  2. Rifacimento impianto elettrico: 2133,50€
    – pannelli solare 300W + cavi + regolatore 40A: 269€
    – batterie NDS Green Power 120Ah (x2): 487,50€
    – batteria FIAMM 90Ah: 190€
    – inverter NDS 1500W: 508€
    – inverter 400W: 154€
    – telecamera posteriore (con schermo e cavi): 75€
    – manodopera elettrauto: 450€
    – regolatore 20A: non inserito nel conteggio perché non ricordiamo il prezzo
    – ripartitore di corrente: non inserito nel conteggio perché non ricordiamo il prezzo
    – scatole di ricarica USB e 12V (x2): non inserito nel conteggio perché non ricordiamo il prezzo
    – pannello solare 100W: non inserito nel conteggio perché già presente
  3. Installazione depuratore AcquaTravel: 300€
    – pulizia e sanificazione completa dell’impianto idrico
    – installazione e manodopera
  4. Revisione impianto a GAS: 250€
    – sostituzione componenti
    – manodopera
  5. Realizzazione mobili su misura: 620€
  6. Tendaggi nuovi (materiale tecnico): 400€
  7. Realizzazione e installazione “posto sicuro”: 430€
  8. Varie: 800,30€
    – TomTom Go Camper: 300€
    – Accessori AcquaTravel: 69€
    – Varie cucina: 197,80€
    – Accessori vari (bacinelle, scolapiatti, aspirapolvere ecc…): 158€
    – Catene da neve: 60€
    – Kit carico acque AcquaTravel: 68€

TOTALE: 5223,80€

Impianto Elettrico, alcune precisazioni

Sull’impianto elettrico dobbiamo soffermarci per alcune precisazioni dato che è stato il lavoro in cui abbiamo speso maggiormente.

Alcune persone ci hanno detto che abbiamo speso troppo di manodopera, ma il fatto è che l’elettrauto non si è limitato ad installare un semplice pannello solare, ma ha rimesso mano a tutto l’impianto elettrico da cima a fondo ed ha anche installato ex novo degli accessori che prima non c’erano (come ad esempio il ripartitore di corrente e la retrocamera)

In un articolo e anche successivamente in un video avevamo già spiegato il perché della decisione di creare due impianti separati ma riassumiamo anche qui la cosa:

  1. Impianto elettrico generale:
    – pannello solare da 300W
    – regolatore da 40A
    – batterie servizi NDS 120Ah (x2)
    – ripartitore di corrente
    – inverter NDS 1500W
    – scatole di ricarica USB e 12V
    Questo impianto si occupa di alimentare tutte le utenze del camper, alimenta le luci, le prese di corrente 12V e USB, la TV, lo scalino elettrico, la pompa dell’acqua ecc…
  2. Impianto elettrico secondario:
    – pannello solare da 100W (già presente sul camper)
    – regolatore da 20A
    – batteria servizi FIAMM 90Ah
    – inverter NDS 400W
    Questo impianto si occupa di alimentare solo ed esclusivamente la batteria che servirà per alimentare e ricaricare i PC con cui lavoriamo e gli altri accessori di lavoro (batterie macchine fotografiche, batterie ricaricabili varie ecc…)

L’impianto elettrico è stato il lavoro più imponente ed importante perché, per via del nostro lavoro, era assolutamente necessario avere molta energia dato che spesso capita di passare molte ore davanti al PC in periodi di alta stagione in cui bisogna post produrre matrimoni come se non ci fosse un domani!
Abbiamo notato che questo impianto, così studiato, ci da un’autonomia addirittura maggiore di quanto pensassimo, infatti funziona molto bene anche in caso di tempo nuvoloso!

Come abbiamo pagato tutto?

Insomma, abbiamo speso tanti soldi, decisamente!
Ma come abbiamo pagato tutti questi lavori? Sicuramente non siamo ricche come Bill Gates, ma siamo ingegnose e, soprattutto, parsimoniose!

Partendo dal presupposto che era necessario iniziare il nostro processo verso il minimalismo e quindi dovevamo liberarci di tante, tantissime cose e non è stato per niente semplice.
Se ci segui da un po’ sai che siamo due persone ambientaliste e che odiamo gli sprechi, nella nostra filosofia cerchiamo di riparare e riutilizzare tutto buttando via il meno possibile.
Quindi come fare? Volevamo dare nuova vita a tutti i nostri oggetti e vestiti inutilizzati e abbiamo deciso di farlo vendendoli attraverso diversi canali. In un articolo ne abbiamo parlato dettagliatamente, ma di seguito ti elenchiamo brevemente i sistemi con cui abbiamo messo da parte tutti i soldi che ci sono serviti per pagare questi lavori e che non sono derivati solo dalla vendita di oggetti e vestiti:

  1. Vendita di oggetti e vestiti ai mercatini dell’usato
  2. Vendita di oggetti online
  3. Vendita di oggetti e vestiti tramite Mercatopoli
  4. Guadagni dell’attività di cantante in strada di Alessia
  5. Guadagni dall’attività di Alessia come seconda fotografa per Elena

Inoltre c’è da dire che siamo molto parsimoniose, non usciamo quasi mai (nei weekend lavoriamo sempre!) e nell’ultimo anno non abbiamo più comprato vestiti e oggetti se non strettamente necessari.

Cosa rimane da fare?

In realtà i lavori non sono finiti anche se il grosso è stato decisamente fatto.

Cosa rimane quindi? Facciamo un elenco dei lavori che sicuramente dovremo fare e di quelli che invece vorremmo fare ma che ancora dobbiamo valutare.

Lavori da fare sicuramente:

  1. Sostituzione sospensioni: in particolare quella di sinistra è particolarmente usurata e, pur gonfiandola, mantiene solo per massimo 48h la giusta pressione.
    Questo è un problema assolutamente da risolvere perché ne va non solo dell’assetto del camper, ma anche di come il camper risponde alla guida specialmente in condizioni in cui l’asfalto è pessimo.
  2. Sistemazione pavimento bagno: il pavimento d’ingresso del nostro bagno è crepato, anche se non gravemente.
    Non ci sono infiltrazioni per fortuna, ma sicuramente dovremo intervenire in modo che la situazione non peggiori con il rischio di fare gravi danni. Questo è un lavoro che possiamo fare benissimo anche noi, sul nostro canale YouTube molte persone ci hanno dato consigli e in questi giorni analizzeremo le varie ipotesi per decidere il da farsi.
  3. Pannello divisorio cabina/cellula: nel viaggio che abbiamo fatto a marzo ci siamo rese conto che questo è un lavoro importante da fare non solo per migliorare l’isolamento del camper, ma anche per una questione di comodità. Il sistema con le tende pesanti e isolanti che abbiamo adottato è piuttosto efficace ma ha dei contro:
    – non è perfettamente isolante
    – le tende si sporcano e si riempiono di peli
    – il nostro gatto (maledetto!) le rovina nel tentativo di arrampicarsi e di andare in cabina di guida!
    Anche in questo caso ci hanno presentato diverse soluzioni di cui una che stiamo prendendo seriamente in considerazione e che prevede la creazione di una paratia nautica con materiale isolante all’interno e legno all’esterno (per questo bellissimo progetto ringraziamo Stefano che ci segue sul nostro canale!).

Per questi lavori non abbiamo un preventivo di spesa preciso, pensiamo al massimo a 100€ per il lavoro del pavimento del bagno (ma probabilmente costerà meno dato che lo faremo noi) e circa 300-400€ per la realizzazione del pannello divisorio tra cabina e cellula.
Non abbiamo invece idea di quanto potrebbe costare la sostituzione delle sospensioni quindi se qualcuno ha almeno un’idea generica ci farebbe piacere saperlo in modo da avere un’idea dei soldi che dovremo mettere da parte 😊

Lavori che vorremmo fare ma che aspetteranno:

  1. Boiler Elettrico: stiamo valutando l’idea di installare un boiler elettrico per iniziare a togliere un’utenza a gas. In realtà ci piacerebbe in futuro essere totalmente (o quasi) svincolate dal gas per vari motivi: sicurezza prima di tutto e in secondo luogo perché, girando principalmente all’estero, potrebbe diventare complicato reperire le bombole di ricambio.
    Perché abbiamo pensato di iniziare dal boiler? Perché è quello che ci ha dato qualche problemino anche se nulla di preoccupante (una semplice guarnizione da cambiare e, successivamente, un bullone allentato) e perché pensiamo che il nostro impianto elettrico possa reggere benissimo (ma su questo dobbiamo ancora dettagliatamente studiare).
  2. Ampliamento serbatoi acque chiare e grigie: l’acqua non basta proprio mai, specialmente se si vive in due in un camper! Alessia oltretutto cucina molto bene e spesso utilizza diverse pentole con la conseguenza di dover lavare molte più stoviglie. Inoltre c’è la questione shampoo che, nel caso di Alessia, è un vero problema!
    Non ci dispiacerebbe avere un po’ più di autonomia in modo da non diventare schiave delle aree attrezzate ogni 2/3 giorni, ma dobbiamo fare i conti con il peso del camper quindi, prima di prendere qualsiasi decisione, prima valuteremo se è fattibile in termini di peso.
  3. Impianto idrogeno motore: come abbiamo detto siamo due persone molto attente all’ambiente e sappiamo bene che il nostro camper, con motorizzazione Fiat Ducato 2500 Turbo Diesel Euro 1 è piuttosto inquinante (purtroppo non potevamo permetterci un camper più nuovo, per un Euro 3 ci sarebbero voluti minimo 25mila euro) e quindi stiamo valutando una soluzione che potrebbe ridurre le emissioni inquinanti del nostro camper.
    Questa soluzione è già stata adottata da un altro fulltimer (FreeFede) sul suo camper e sembra funzionare sia in termini di riduzione delle emissioni che in termini di riduzione dei consumi (anche se non tantissimo, comunque non guasta!).
    Anche in questo caso è qualcosa su cui dobbiamo documentarci ancora bene e quando avremo abbastanza informazioni scriveremo un articolo dettagliato e faremo un video sul nostro canale.

Conclusioni

In questo momento purtroppo siamo bloccate in tutti i sensi, non possiamo muoverci e non possiamo lavorare e perciò non possiamo nemmeno intraprendere nuovi lavori (tranne quello di sistemazione del pavimento del bagno), ma comunque cercheremo, per quanto possibile, di mettere da parte ogni piccolo euro per finanziare questi futuri lavori.

Intanto ti lasciamo qui sotto il video relativo alle spese, anche se, di fatto, abbiamo già tutto scritto dettagliatamente qui sopra.

A presto!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.